Il basilico liquirizia

Erbe aromatiche dalla semina alla cucina
25 settembre 2016


Come il nome suggerisce, il basilico liquirizia possiede l'aroma inconfondibile del basilico, ma anche un forte gusto di liquirizia, in un'accoppiata decisamente particolare, deliziosa su piatti salati ma anche dolci.

Basilico liquirizia

Il basilico liquirizia in breve


Il basilico liquirizia (noto anche come basilico anice) ha aspetto simile a altre varietà di basilico, con foglie verdi leggermente appuntite e fiori bianchi e viola chiaro, disposti sulle caratteristiche infiorescenze a forma di spiga.

Tuttavia questa cultivar di basilico contiene anche anetolo, lo stesso composto aromatico di liquirizia e anice, e per questo il suo aroma ricorda molto anche la liquirizia. L'anetolo è contenuto in tutta la pianta, e ritroverete questo aroma nelle primissime foglie delle piantine appena nate, come nei fiori.


Basilico liquirizia

Coltivare il basilico liquirizia


Il basilico liquirizia si può seminare direttamente a dimora a metà primavera, coperto da un velo di terra umida, soprattutto se coltivato in contenitore. Tuttavia visto che come tutte le cultivar di basilico i semi sono molto piccoli e ha bisogno di temperature non troppo fredde per germogliare, è consigliabile la semina indoor.

Seminare a spaglio sul terreno umido, in un vasetto da 7-10 cm in coltura protetta. Per tenere il terreno umido, è possibile ricoprire il vasetto con un foglio di pellicola per alimenti, o spruzzarlo delicatamente con un vaporizzatore quando necessario.
Nei giorni successivi i semi si ricopriranno di una patina chiara, ma questo non deve preoccupare, è solo segno che stanno per germogliare.

Le piantine di basilico liquirizia saranno da trapiantare a dimora non appena saranno abbastanza grandi e non ci sia più il rischio di gelate.

In autunno il basilico liquirizia completa il suo ciclo vitale e muore: a fine estate è bene lasciare andare a seme alcune infiorescenze, raccogliendole quando marroni per conservare i semi per la semina dell'anno prossimo.

Un'idea in più: quando si scartano le infiorescenze secche tenendo da parte i semi, i petali secchi si possono aggiungere alla vostra ciotola di pour-pourri alle erbe aromatiche: l'anetolo infatti è ancora ben presente e aggiungerà un tocco deciso alle vostre creazioni.

Basilico liquirizia

Il basilico liquirizia in cucina


Il raccolto delle foglie fresche inizia alcune settimane dopo il trapianto a dimora, e procede scalarmente per tutta l'estate, fino all'autunno inoltrato.
Cimando regolarmente le infiorescenze, si favorirà la produzione di nuove foglie grandi, e si prolungherà il periodo del raccolto.

Le foglie di basilico liquirizia si consumano fresche, in modo simile a come utilizzereste il basilico, e arricchiscono numerosi piatti: pasta, pizza, insalate, tartine e sandwich.
L'anetolo aggiunge un tono particolare a molte ricette classiche, per esempio provate a preparare un classico pesto alla genovese usando metà dose di basilico liquirizia, e il risultato vi sorprenderà.

Le foglie e le cimette fiorite di basilico liquirizia possono essere anche surgelate e utilizzate durante l'inverno, e sono ottime essiccate e aggiunte a miscele per infusi come il the alle 10 erbe.

Link correlati:
Esistono centinaia di cultivar differenti di basilico, diverse spesso anche nell'aroma oltre che nell'aspetto: ne trovate recensite in dettaglio alcune nell'articolo: tutti i profumi del basilico.

Trovate maggiori dettagli sulla coltivazione del basilico nell'articolo Coltivare il basilico.

Sfogliate tutte le ricette con il basilico pubblicate su Erbe in Cucina.



Semi di fieno grecoUn anno fa: Semi di fieno greco
Due anni fa: Fiore di porro
Tre anni fa: Aromatiche e ornamentali: la salvia coccinea
Cinque anni fa: Settembre in terrazzo: Semine e raccolti
Sei anni fa: Coltivare il fieno greco
Sette anni fa: Database peperoncini: Chili Pepper Files
Otto anni fa: Padellata di Aji Habanero
Potrebbe interessarvi...

La verbena


Erbe aromatiche dalla semina alla cucina
Fiori di basilico Dark Opal


I fiori che non vi aspettate
0 commenti

Gallery correlate



Aggiungi un commento
Date prima un'occhiata alla pagina delle FAQ per trovare subito una risposta alle domande più comuni.


 


Per commentare inserire le scritte della foto nella casella sottostante.
Autore:
 
Mail:
 
URL:

Ultimi articoli

Riconoscere erbe e spezie: le liliaceae
Coltivare le erbe aromatiche
Alle Liliaceae appartengono tutte le varietà di aglio, cipolla e porro, oltre all'aromatica erba cipollina. Si tratta di piante monocotiledoni, ovvero i cui semi contengono al...

Ricetta: Crema di carote, crescione e zenzero
Zuppe e creme di verdure alle erbe e spezie
L'anno scorso ho provato una deliziosa crema di carote e zenzero in un ristorante all'estero, e da allora ho sperimentato diverse ricette per riproporla in casa. Questa è in...

Ricetta: Frollini alla salvia e menta
Dolci alle erbe e spezie
Un pizzico di salvia e della menta essiccate, dal raccolto dell'estate scorsa, aromatizzano questi frollini croccanti eppure morbidi dentro, perfetti da inzuppare. Le erbe si...

Ricetta: Crema di asparagi al curry
Zuppe e creme di verdure alle erbe e spezie
Il curry è una miscela di spezie originaria della cucina indiana, ma ben nota in tutto il mondo. Uno degli ingredienti principali è la curcuma, che dona ai cibi una nota decisa di...

Riconoscere erbe e spezie: le brassicaceae
Coltivare le erbe aromatiche
Tra le brassicaceae si annoverano non solo tutte le varietà di cavolo, ma anche diverse erbe aromatiche e spezie, tra cui senape, rafano, crescione e numerose verdure da taglio di...

Tutti gli articoli