La portulaca invernale (lattuga dei minatori)

Erbe aromatiche dalla semina alla cucina
29 marzo 2013


La portulaca invernale o lattuga dei minatori ricorda la portulaca per la consistenza carnosa delle foglie, ma ha gusto differente sia dalla portulaca che dalla lattuga. Ho acquistato i semi di portulaca invernale, incuriosita dal suo ruolo durante la corsa all'oro del Far West, e ho scoperto un'erba gustosa e fresca, ricca di vitamina C, ottima da consumare cruda e perfetta per la coltivazione durante la stagione fredda.

Portulaca invernale

La portulaca invernale in breve


La portulaca invernale (Claytonia perfoliata) è nota anche come lattuga dei minatori: si tratta infatti di un'erba semi spontanea, originaria dell'area occidentale degli Stati Uniti, che i minatori durante la corsa all'oro consumavano cruda o cotta, per arricchire la loro dieta e prevenire lo scorbuto.

Il nome portulaca invernale invece è dovuto alla resistenza alle basse temperature di questa pianta, appartenente alla famiglia delle Portulacaceae, che la rende particolarmente indicata per la semina autunnale.

Ha foglie carnose e croccanti, dalla forma di cuore, che crescono in cima a lunghi steli bianco rosati, a partire da una rosetta centrale. Ciascuna rosetta svilupperà decine e decine di queste piccole foglie, da raccogliere scalarmente durante il periodo di coltivazione.

Attenzione, per il raccolto è consigliabile usare delle forbici o delle piccole cesoie, perchè le rosette hanno radici poco profonde e tirando via le singole foglie si corre il rischio di estirpare l'intera pianta, che invece va lasciata indisturbata perchè continui a produrre.


Portulaca invernale

Coltivare la portulaca invernale


La portulaca invernale si semina all'inizio dell'autunno, direttamente a dimora, con una distanza di impianto di 10-15 cm. E' possibile anche una semina primaverile, ma trattandosi di una pianta che predilige le basse temperature e non tollera l'esposizione diretta al sole, potrebbe patire il clima estivo.

Il raccolto delle foglie inizia dopo due-tre settimane dalla semina, e procede scalarmente fino alla primavera inoltrata. Tra Aprile e Maggio la pianta fiorisce con minuscoli fiori bianchi e successivamente va a seme.

Portulaca invernale

Trattandosi di un'erba con comportamento infestante, è consigliato non lasciare che i semi si propaghino nelle aiole o nei contenitori vicini, ma è bene raccogliere quelli che servono per la semina dell'anno successivo e estirpare gli altri.

Viste le dimensioni ridotte delle piante e dell'apparato radicale, è certamente possibile coltivare la portulaca invernale in contenitore.

Portulaca invernale

La portulaca invernale in cucina


Della portulaca invernale si consumano sia le foglie che i lunghi steli croccanti, tagliati appena sopra la rosetta centrale.
Le foglie tenere di portulaca invernale sono da consumare fresche, appena raccolte, per arricchire insalate o sandwich. Hanno un gusto dolce e leggermente acidulo, che ne fa il perfetto contrasto per altre verdure a foglia con retrogusto amaro, o per alimenti grassi come formaggi e affettati.

La portulaca invernale si presta inoltre a essere aggiunta all'ultimo momento in padella a diversi tipi di piatti: stufati, padellate di verdure e condimenti per pasta come i veloci tortellini in crema di portulaca invernale.

Può anche essere cotta, soprattutto quando le foglie diventano più coriacee, e aggiunta a altre verdure, per esempio gli spinaci, per dare un tocco di personalità a molti piatti.

Un suggerimento per conservare la portulaca invernale: ponete le foglie appena raccolte in una ciotola, senza lavarle, e copritele con un panno leggermente umido che poggi direttamente sulle foglie. Si conserverà meglio fino al giorno dopo, ma è sempre consigliabile consumarla prima possibile una volta raccolta.

Una precisazione: questo articolo non tratta della portulaca oleracea, pianta spontanea diffusa nell'area Mediterranea, di cui trovate maggiori dettagli nell'articolo coltivare la portulaca.

Tutte le ricette con la portulaca e la portulaca invernale

Nell'articolo sulle erbe e verdure da taglio da coltivare in autunno trovate altre idee sulle colture da scegliere per arricchire le vostre insalate nella stagione fredda.



Peperoncini e ortaggiUn anno fa: I raccolti 2011 di peperoncini e ortaggi

Due anni fa: Arrotolato di pasta al salmone in salsa rosa
Potrebbe interessarvi...

Il rabarbaro


Erbe aromatiche dalla semina alla cucina
Ricetta: Pesto al gorgonzola e noci con portulaca


Panini e bruschette alle erbe aromatiche

Gallery correlate



Commenti

Autore: pippo
29/11/2013

dove acquistare i semi di portulaca invernale ?
grazie


Autore: Graziana
29/11/2013

Ciao Pippo, io li ho comperati da uno dei rivenditori internazionali online.


Aggiungi un commento
Date prima un'occhiata alla pagina delle FAQ per trovare subito una risposta alle domande più comuni.


 


Per commentare inserire le scritte della foto nella casella sottostante.
Autore:
 
Mail:
 
URL:

Ultimi articoli

Coltivare il crescione d'acqua
Consigli per la coltivazione e il raccolto
Il crescione d'acqua è -come il nome suggerisce- una pianta piuttosto esigente in termini di irrigazione ed umidità del suolo. Questo però non deve spaventare, perché in realtà la...

Ricetta: Pizza alla zucca con crescione e coriandolo
Torte salate e pizze alle erbe
Come ogni inverno, sto coltivando diverse varietà di crescione, difficili da crescere durante l'estate nelle zone mediterranee perché necessitano di molta acqua. Per questa...

Varietà: Spinaci da tutto il mondo
Il giardino del collezionista
Gli spinaci (Spinacia oleracea) sono tra le verdure a foglia più note e diffuse al mondo. Quando teneri, gli spinaci si possono consumare anche crudi in insalata, ma vengono usati...

Ricetta: Treccia al salmone e aneto
Torte salate e pizze alle erbe
Una torta salata dal gusto delicato eppure deciso, che ripresenta l'accostamento sempre riuscito di salmone affumicato e aneto fresco. Ottima sia come antipasto che come piatto di...

Regali con le erbe e spezie
Le idee di Erbe in Cucina
Immaginate la stessa soddisfazione del portare a tavola piatti preparati con ingredienti provenienti dal proprio orto o terrazzo, trasportata nello spirito natalizio: le erbe e le...

Tutti gli articoli

In evidenza

La melissa