Giovani piante: Corinoli (Macerone)

Coltivare le erbe aromatiche
23 novembre 2012


Il corinoli ha avuto dei tempi di germinazione piuttosto lunghi, tanto da farmi pensare che i semi non fossero vitali, quando ho finalmente visto spuntare parecchie piantine dall'aspetto nuovo.

Corinoli


Il corinoli è detto anche macerone, e un tempo era molto diffuso nella civiltà dell'antica Roma, quando era noto come prezzemolo alessandrino (da Alessandro il Grande). In seguito questa erba aromatica è stata parzialmente dimenticata, e questo mi ha incuriosito e mi ha spinto a coltivarla.
A quanto pare ogni parte della pianta è commestibile, le foglie sono un'erba aromatica, le radici si consumano cotte o crude e i semi di colore scuro hanno un gusto pungente e si possono usare essiccati e tritati, come spezia.



Rabarbaro
Due anni fa: Novembre in terrazzo: Tempo di riposo

Tre anni fa: Pasta con tonno e coriandolo
Potrebbe interessarvi...

Marzo in terrazzo: gli ultimi raccolti invernali


Coltivare in balcone e in terrazzo
Giovani piante: Barbabietola Chioggia


Coltivare in balcone e in terrazzo

Gallery correlate



Commenti

Autore: Giovanna Gallo
24/11/2012

qual è il nome scientifico dei cavoletti di vigna?
sono commestibili ? se si, quali sono le sue proprietà?
grazie


Autore: Graziana
27/11/2012

Ciao Giovanna, quelli nella foto non sono cavoletti di vigna ma corinoli, come spiegato nel post.
Non conosco il nome scientifico dei cavoletti di vigna, ma sono commestibili e molto gustosi, qui sul blog trovi diverse ricette.


Autore: Francesco
27/11/2012

Ciao a tutti, per cavoletti di vigna si intende principalmente Brassica fruticulosa, abbastanza diffusa nell Italia centro-meridionale e nelle isole, o più raramente altre Brassicaceae selvatiche.
Approfitto per salutare e fare i complimenti a Graziana per il suo bel sito che seguo con interesse!


Autore: Graziana
28/11/2012

Ciao Francesco grazie mille per la risposta, i cavoletti di vigna (o cauliceddi) dalle mie parti sono molto diffusi come infestante, sono contenta di avere imparato il loro nome!


Autore: Francesco
29/11/2012

Figurati, grazie per aver messo a disposizione questo spazio! Dalle mia parti non sono diffusi, ma ci sono molte altre Brassicaceae eduli interessanti e comunemente raccolte..ne approfitto per chiederti come posso contattarti privatamente! Grazie, un saluto a te e a tutti, Francesco


Aggiungi un commento
Date prima un'occhiata alla pagina delle FAQ per trovare subito una risposta alle domande più comuni.


 


Per commentare inserire le scritte della foto nella casella sottostante.
Autore:
 
Mail:
 
URL:

Ultimi articoli

Ricetta: Crackers ai fiori di sambuco
Biscotti salati e sfoglie alle erbe
Ho voluto preparare dei crackers all'olio d'oliva per la mia famiglia, ma devo ammettere che io stessa mi sono sorpresa del risultato. I cracker fatti in casa non solo sono...

Fiore di rucola
I fiori che non vi aspettate
La primavera si avvicina, e molte piante seminate in autunno giungono alla fine del loro ciclo vitale con la fioritura. Quando questo accade, la pianta inizia a svilupparsi in...

Ricetta: Zuppa di cozze al crescione
Pesce e frutti di mare alle erbe aromatiche
Una ricetta ispirata alla celebre soupe de moules bretone, con l'aggiunta di un mazzetto di crescione d'acqua per contrastare la dolcezza delle cozze e della cipolla, resa cremosa...

Il pepe rosa
Spezie viste da vicino
Il pepe rosa si ottiene dai frutti di un albero, detto comunemente albero di pepe rosa (Shinus molle) o anche falso pepe, originario degli altopiani dell'America meridionale. La...

Ricetta: Burritos di pollo al coriandolo e cumino
Crepes, pancakes e tortillas alle erbe
I burritos sono una ricetta di origine messicana, che è stata reinterpretata e resa famosa nel mondo dalla cucina tex-mex. Tipico street food preparato in versioni sempre diverse,...

Tutti gli articoli