Compostare in terrazzo: Il lasagna gardening... nei vasi

Coltivare in balcone e in terrazzo
30 ottobre 2009


Molti di voi avranno sentito parlare del Lasagna Gardening, una tecnica per compostare in giardino, il cui nome deriva dall'alternanza di strati (come nelle lasagne).
In breve, ogni anno a fine coltura si tratta di coprire il giardino con fogli di giornale e quindi gettare durante l'inverno i resti da compostare sui fogli di giornale.
In primavera si copre tutto con del terriccio fresco e si gestiscono normalmente i nuovi impianti.

Negli ultimi anni ho applicato una tecnica simile per la coltivazione in vaso, evitando:
-il cattivo odore emanato dai resti scoperti tutto l'anno (vivo in una zona calda, dove il suolo non ghiaccia mai)
-la necessità di dover acquistare e trasportare ogni anno grandi quantità di terriccio

Visto che il compost può avere un aspetto spiacevole all'inizio, ho preferito uno schema esplicativo piuttosto che delle foto.

Vasi pieniLa stagione è finita e abbiamo in terrazzo o balcone diversi vasi pieni di terriccio già sfruttato.

Attenzione, se ci sono stati funghi, muffe o parassiti il terriccio è infetto, quindi sarebbe bene non riutilizzarlo.
Se invece ciò non è accaduto, ecco come fertilizzarlo per l'anno prossimo.


Compostare nei vasi 1Svuotare il primo vaso, suddividendo il terriccio negli altri.
Lavatelo e ponete uno strato sottile di foglie secche, carta, o cartone a pezzetti (la parte secca) sul fondo.
Questo strato servirà anche per migliorare il drenaggio quando il contenitore sarà usato per la coltivazione.


Compostare nei vasi 2Coprire con uno strato sottile di terriccio.
Questo serve a assorbire eventuali liquidi provenienti dagli scarti, che altrimenti colerebbero fuori dai buchi del vaso.


Compostare nei vasi 3A questo punto, inizia il compostaggio vero e proprio, con la componente umida.
E' possibile gettare nel vaso molti resti della cucina: bucce di frutta e vegetali, foglie esterne di verdura, gusci di uova, fondi di the e di caffè. Tagliare a pezzettini gli scarti troppo spessi, e cercare per quanto possibile di diversificarli perchè la composizione chimica sia bilanciata: non riempire tutto un vaso di sole bucce d'arancia o di banana.
E' anche possibile aggiungere quantità limitate di carta non plastificata, capelli, peli di gatto, e altro materiale organico.
Non compostare resti di carne, pesce, formaggio, derivati dalla farina e cibi cotti.
Non compostare inoltre le erbacce, perchè potrebbero riprodursi.


Compostare nei vasi 4Quando il primo vaso è quasi pieno, coprire gli scarti con almeno 15 cm di terriccio.
Riempire il contenitore fino all'orlo: quando il compost maturerà sarà più compatto e il livello scenderà.


Compostare nei vasi 5Così facendo svuotare un nuovo vaso e ricominciare. Continuare così per tutto l'inverno.

In questo modo il compost non passa troppo tempo scoperto, e non infastidirà voi (e i vicini!) con eventuali moscerini e cattivi odori.

Provare a scavare in un vaso dopo 3-4 mesi per scoprire che gli scarti sono già compostati in un bel terriccio di colore scuro e sano, uniforme e dal profumo gradevole.
Il compost è già pronto, ma maturerà ulteriormente nei mesi successivi.



Coltivare in balcone e terrazzoPotrebbe interessarvi:

Coltivare in balcone e terrazzo
Potrebbe interessarvi...

Ricetta: Zuppa di foglie di ravanello


Storia di un ravanello dal seme alla zuppa

Gallery correlate



Aggiungi un commento
Date prima un'occhiata alla pagina delle FAQ per trovare subito una risposta alle domande più comuni.


 


Per commentare inserire le scritte della foto nella casella sottostante.
Autore:
 
Mail:
 
URL:

Ultimi articoli

Ricetta: Crackers ai fiori di sambuco
Biscotti salati e sfoglie alle erbe
Ho voluto preparare dei crackers all'olio d'oliva per la mia famiglia, ma devo ammettere che io stessa mi sono sorpresa del risultato. I cracker fatti in casa non solo sono...

Fiore di rucola
I fiori che non vi aspettate
La primavera si avvicina, e molte piante seminate in autunno giungono alla fine del loro ciclo vitale con la fioritura. Quando questo accade, la pianta inizia a svilupparsi in...

Ricetta: Zuppa di cozze al crescione
Pesce e frutti di mare alle erbe aromatiche
Una ricetta ispirata alla celebre soupe de moules bretone, con l'aggiunta di un mazzetto di crescione d'acqua per contrastare la dolcezza delle cozze e della cipolla, resa cremosa...

Il pepe rosa
Spezie viste da vicino
Il pepe rosa si ottiene dai frutti di un albero, detto comunemente albero di pepe rosa (Shinus molle) o anche falso pepe, originario degli altopiani dell'America meridionale. La...

Ricetta: Burritos di pollo al coriandolo e cumino
Crepes, pancakes e tortillas alle erbe
I burritos sono una ricetta di origine messicana, che è stata reinterpretata e resa famosa nel mondo dalla cucina tex-mex. Tipico street food preparato in versioni sempre diverse,...

La foto di oggi:

Semi di aneto
Tutti gli articoli